La presente invenzione ha come oggetto una complessa camera di miscelazione che consente una miscelazione uniforme dell’agente disinfettante nel vapore in pressione da eiettare attraverso l’ugello applicatore.

Il disinfettante per effetto dell’immissione con atomizzatore si trasforma, disperdendosi in una zona di calma della camera, in particelle nebulizzate. Simultaneamente all’interno della detta zona di calma viene immesso un flusso di vapore che, attraversando la camera di miscelazione fino ad una sezione di uscita ed invio, costituita da un collettore di fuoriuscita, permette di ottenere una perfetta miscela bifase vapore + disinfettante, distribuita, infine, attraverso l’ugello applicatore.

La forma geometrica della camera di miscelazione e la posizione dei fori di ingresso ed uscita, sono stati realizzati in modo da ottenere minime turbolenze al suo interno assicurando, in tal modo, un ottimale deflusso della miscela disinfettante.

Grazie a tale innovazione tecnica, che consente di sfruttare il principio della condensazione, la miscela bifase formata da vapore, saturo di particelle nebulizzate di disinfettante, applicato su superfici di qualsiasi forma e materiale, condensa lasciando sulla superficie trattata una pellicola decontaminante continua ed omogenea che permette di raggiungere in maniera innovativa ed efficace uno standard qualitativo di disinfezione di alto livello.